/ Il digital lab della SEAT è stato ufficialmente inaugurato al cospetto di importanti personalità del campo della tecnologia
/ Luca de Meo, Presidente SEAT, e José Nascimiento, Responsabile del Lab, hanno condiviso con i presenti i progetti in cantiere per migliorare la mobilità delle città

Verona, 16/11/2017 - SEAT Metropolis:Lab Barcelona, interamente di proprietà della Casa e parte della rete di IT-Lab del Gruppo Volkswagen nel mondo, è stato ufficialmente inaugurato nel contesto dello Smart City Expo World Congress 2017, in questi giorni a Barcellona. All’evento erano presenti numerose personalità di spicco del settore tecnologico, tra cui Miquel Martí, CEO di Barcelona Tech City (hub di riferimento per l’ecosistema imprenditoriale europeo, in cui si colloca anche il Metropolis:Lab Barcelona).

Il centro di eccellenza, attivo dallo scorso mese di aprile, ha l’obiettivo di analizzare e proporre soluzioni intelligenti per le sfide che la mobilità del futuro è chiamata a fronteggiare, contribuendo a posizionare SEAT come referente di spicco in tema di auto connessa. In questo senso Luca de Meo, che ha presieduto la cerimonia inaugurale, ha sottolineato il fatto che “questo laboratorio combina tecnologia mobile e Big Data per ottimizzare la relazione tra abitanti, smart city e servizi di mobilità. L’obiettivo che ci siamo prefissati è poter migliorare la mobilità e rendere la vita delle persone più sicura, sostenibile ed efficiente nelle città intelligenti in cui viviamo”.

I prossimi progetti del Metropolis:Lab

La serata è stata l’occasione per presentare in anteprima le iniziative a cui sta lavorando il team di esperti del Lab. Una di queste è già realtà: si tratta di “About It”, app finalizzata a migliorare la mobilità della città che, tra le altre funzioni, è in grado di segnalare sia le zone interessate da lavori in corso che potrebbero influenzare il traffico, sia i punti critici con maggior concentrazione di incidenti.

Nel corso della serata, sono stati inoltre annunciati due ulteriori progetti, già in corso d’opera: “da un lato, una app basata sul ride-sharing, con l’obiettivo di facilitare la mobilità dei cittadini dando vita a gruppi di persone che condividano le medesime tratte all’interno della città” ha spiegato José Nascimiento, “e, dall’altro, un progetto di bus on demand, per ottimizzare l’utilizzo delle linee degli autobus a oggi esistenti, offrendo tratte flessibili e adattabili alle richieste in tempo reale”. La prova pilota di questa iniziativa è attualmente in corso a Wolfsburg (Germania), per poi essere adattata, in una seconda fase, alla città di Barcellona.

SEAT e il suo impegno con la città di Barcellona

Questo laboratorio nasce dall’accordo firmato da SEAT e il Comune di Barcellona per promuovere innovazione, mobilità sostenibile e il richiamo di talenti in città. Allo stesso tempo, la Casa automobilistica è impegnata nel progetto CARNET, primo grande Centro di Ricerca e Innovazione nel settore automotive per la mobilità urbana della città di Barcellona, fondato in collaborazione con e l’Università Politécnica de la Catalunya e Volkswagen Group Research.

Inoltre, lo scorso mese di luglio la SEAT ha annunciato l’ubicazione prescelta (nel cuore pulsante di Barcellona, in Paseo de Gracia 109) per Casa SEAT, spazio multidisciplinare che mira a integrarsi nella vita culturale ed economica della città, con il forte proposito di ergersi a punto d’incontro di nuove tendenze e talenti locali e internazionali. Casa SEAT aprirà le porte a fine 2018.